Altri links interessanti:

Le palafitte di Unteruhldingen portano alla luce con le loro ricostruzioni un mondo scomparso:
www.pfahlbauten.de

Sito informativo dell’associazione per la ricerca di fondi per il patrimonio dell‘umanità:
www.palafittes.org

Sito speciale del noto programma televisivo “L’esperienza dell’età della pietra” della ARD, la „Rai“ della Germania (solo in tedesco):
www.swr.de

 

Visitatori del museo delle palafitte utilizzano una perforatrice dell’età della pietra

Come perforare un sasso? Tecniche dall’età della pietra

Gli attrezzi di pietra sono stati molto importanti per i nostri antenati. Per avere un’ascia-martello bisognava perforare la pietra per attaccare l’impugnatura. Come l’hanno fatto allora?

La clava e la testa d’ascia sono state costruite perforando la pietra tramite un’asta di legno e polvere di quarzo. Per produrre un’ascia-martello gli uomini delle palafitte ci mettevano più di un giorno – così confermano i tentativi fatti dagli archeologi. Molto probabilmente le ascie-martello non sono state usate per il lavoro ma per il prestigio o la battaglia, e si riconoscono delle impronte di scure su alcuni scheletri ritrovati.

I nostri antenati hanno perforato diversi tipi di pietre, per esempio la pietra calcarea: hanno estratto delle perline bianche che – perforate con succhielli di pietra focaia – hanno infilato per creare delle bellissime collane, anche a più fili; per mantenere la distanza tra le perline hanno usato dei beglli “intervalli” rossi.